Il regolamento REACH e le sue conseguenze per i titolari di marchio

Sebbene il Regolamento REACH (CE n. 1907/2006) riguardi principalmente la registrazione delle sostanze da parte dei produttori o dei loro rappresentanti nell’UE, anche l’industria cosmetica (produttori di prodotti finiti, proprietari di marchi e loro importatori nell’UE) deve rispettare alcune disposizioni di questa normativa.

Cos’è il regolamento REACH?

Come spiegato dalla Commissione Europea, Il REACH mira a migliorare la protezione della salute umana e dell’ambiente attraverso una migliore e più tempestiva identificazione delle proprietà intrinseche delle sostanze chimiche. Ciò avviene attraverso i quattro processi del REACH, ovvero la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche.

“No data no market”: il regolamento REACH attribuisce all’industria la responsabilità di gestire i rischi derivanti dalle sostanze chimiche e di fornire informazioni sulla sicurezza delle sostanze. I produttori e gli importatori sono tenuti a raccogliere informazioni sulle proprietà delle loro sostanze chimiche, che ne consentano una manipolazione sicura, e a registrarle in un database centrale presso l’Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche (ECHA) di Helsinki.

Uno dei motivi principali per cui è stato sviluppato e adottato il Regolamento REACH è che da molti anni in Europa vengono prodotte e immesse sul mercato numerose sostanze, a volte in quantità molto elevate, e che non ci sono ancora informazioni sufficienti sui pericoli che esse comportano per la salute umana e per l’ambiente. È necessario colmare queste lacune informative per garantire che l’industria sia in grado di valutare i pericoli e i rischi delle sostanze e di identificare e attuare le misure di gestione del rischio per proteggere le persone e l’ambiente.

Entrate in vigore nel 2007, le disposizioni del REACH vengono introdotte gradualmente nell’arco di 11 anni. La prima fase, nel 2010, è stata dedicata alle sostanze prodotte o importate in quantità superiori a 1000 tonnellate all’anno. La seconda fase, nel 2013, riguardava le sostanze prodotte o importate in quantità superiori a 100 tonnellate all’anno. Infine, l’ultima fase, prevista per il 2018, mira a registrare le sostanze tra 10 e 100 tonnellate e tra 1 e 10 tonnellate. Ogni fascia di tonnellaggio è soggetta a requisiti specifici: più una sostanza viene utilizzata, più grandi saranno i suoi dati di sicurezza. Le sostanze prodotte o importate al di sotto di 1 tonnellata sono esenti da registrazione. Le fasce di tonnellaggio sopra indicate sono espresse per “persona giuridica” (ovvero il proprietario del marchio se si trova nell’UE e l’importatore in caso contrario).

Quali sono gli obblighi legali dei proprietari dei marchi?

Il produttore della sostanza ha l’obbligo legale di raccogliere i dati, preparare i dossier di registrazione relativi alla fascia di tonnellaggio pertinente e registrare le proprie sostanze nel database dell’ECHA. L’operazione di registrazione di una sostanza può essere estremamente costosa per il produttore della sostanza stessa, che nella maggior parte dei casi collabora con altri produttori delle stesse sostanze per ridurre i costi e gli oneri amministrativi.

I produttori di cosmetici, i proprietari di marchi e gli importatori di prodotti cosmetici finiti sono considerati utenti a valle. Gli utilizzatori a valle non devono registrare le sostanze per conto dei loro produttori e sono quindi esentati dalla maggior parte delle disposizioni previste dal Regolamento REACH. Tuttavia, gli utenti a valle devono assicurarsi che il Regolamento REACH sia rispettato dai loro fornitori e possono commercializzare solo prodotti realizzati con sostanze effettivamente registrate nel database dell’ECHA.

In che modo i proprietari dei marchi possono rispettare questi obblighi legali?

I proprietari dei marchi che non producono direttamente i cosmetici potrebbero semplicemente trasferire questo problema ai loro produttori a contratto. Il produttore a contratto dovrebbe firmare una dichiarazione (vedi modello riportato in allegato) in cui afferma che tutte le sostanze utilizzate nei prodotti sono conformi al REACH, ovvero che sono registrate o esentate dalla registrazione (ad esempio, utilizzate al di sotto della soglia di 1 tonnellata all’anno).
Questa dichiarazione sarà poi fornita all’importatore.

I proprietari di marchi che producono i propri prodotti cosmetici dovrebbero contattare i produttori di materie prime e farsi firmare una dichiarazione che confermi che le sostanze contenute nelle materie prime sono registrate o esentate dalla registrazione (ad esempio, utilizzate al di sotto della soglia di 1 tonnellata all’anno). È responsabilità dei produttori di materie prime garantire che le sostanze utilizzate siano conformi al REACH. Sulla base di tutti questi documenti ricevuti dai produttori di materie prime, il proprietario di un marchio può preparare la propria dichiarazione che attesta la conformità dei suoi prodotti cosmetici al REACH. Questa è la dichiarazione da fornire all’importatore.

Sulla base di questa dichiarazione, il tuo importatore potrà farti ulteriori domande sulle formule dei tuoi prodotti.
Infatti, in teoria l’importatore, essendo un soggetto giuridico ai sensi del Regolamento REACH, deve garantire che le sostanze non registrate non vengano utilizzate oltre la soglia di 1 tonnellata all’anno. Questa valutazione è complessa e implica sia una buona conoscenza delle formule vendute da ciascuno dei proprietari dei marchi, sia una stima accurata delle quantità già immesse nel mercato dell’UE.

Ci sono domande?

Author