Raccomandazione di interrompere l’uso delle microsfere

La maggior parte di voi è già a conoscenza della questione dei microbeads e del graduale divieto di questo ingrediente problematico nei prodotti cosmetici a livello globale. BIORIUS consiglia di eliminare progressivamente questi materiali (in particolare le microsfere non biodegradabili) da tutte le formule cosmetiche esistenti.

Le microsfere sono microsfere di plastica ampiamente utilizzate nei cosmetici come agenti esfolianti e nei prodotti per la cura personale come i dentifrici. Le microsfere rappresentano un pericolo per l’ambiente se smaltite nelle acque reflue. Poiché passano attraverso gli impianti di trattamento delle acque reflue senza essere filtrate, il loro smaltimento ha provocato l’inquinamento delle acque da particelle di plastica.

Diversi stati americani hanno già vietato la produzione e la vendita di prodotti contenenti microbeads e sono ancora in corso iniziative a livello federale.

Stato/TerritorioData di entrata in vigoreData di entrata in vigore
(produzione di prodotti per la cura della persona)
Data di entrata in vigore
(vendita di farmaci OTC)
California8 ottobre 20151 gennaio 20181 gennaio 2020
Colorado26 marzo 20151 gennaio 20181 gennaio 2020
Connecticut30 giugno 20151 gennaio 20181 gennaio 2020
Illinois8 giugno 20141 gennaio 20181 gennaio 2020
Indiana15 aprile 20151 gennaio 20181 gennaio 2020
MaineMarzo 20151 gennaio 20181 gennaio 2020
Maryland12 maggio 20151 gennaio 20181 gennaio 2020
New Jersey Marzo 20151 gennaio 20181 gennaio 2020
Wisconsin1 luglio 20151 gennaio 20181 gennaio 2020

Allo stesso modo, l’Europa è preoccupata per l’uso dei microbeads e ha moltiplicato le iniziative per regolamentarli in modo più rigoroso. Paesi Bassi, Austria, Belgio e Svezia hanno lanciato un appello congiunto per vietare l’uso di microplastiche nei cosmetici, al fine di proteggere la vita marina dalla contaminazione. Secondo questa dichiarazione congiunta, l’eliminazione delle microplastiche, in particolare nei cosmetici, “è una priorità assoluta” per i membri dell’UE. I quattro paesi che sostengono il divieto hanno dichiarato che, sebbene vi sia ancora una certa incertezza scientifica sulle fonti di contaminazione, “ciò che già sappiamo è sufficiente per agire”. Questi impegni volontari dell’industria giustificano ulteriormente un divieto a livello europeo, sostengono gli olandesi, secondo i quali l’UE deve ripristinare condizioni di parità per l’industria e rafforzare il ruolo dell’Unione come leader per i prodotti innovativi. L’Olanda è il primo paese ad annunciare l’intenzione di eliminare le microsfere dai cosmetici entro la fine del 2016.

Questo progetto per vietare l’uso delle microsfere nei cosmetici è sostenuto dai grandi attori del settore (Unilever, L’Oréal, Colgate-Palmolive, Henkel e Johnson & Johnson) e dalle principali associazioni di categoria europee. Questa settimana Cosmetics Europe ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Alla luce delle preoccupazioni espresse dall’opinione pubblica in merito ai detriti di plastica nell’ambiente marino e data la disponibilità di materiali alternativi, Cosmetics Europe raccomanda ai suoi membri di interrompere l’uso di prodotti cosmetici wash-off immessi sul mercato a partire dal 2020: L’uso di particelle di plastica sintetiche e solide utilizzate per l’esfoliazione e la pulizia che non sono biodegradabili nell’ambiente marino.

Sebbene l’uso di microsfere sia ancora consentito in Europa in questo momento, BIORIUS ha preso in considerazione tutti questi elementi e ha concluso che questi materiali (e in particolare le microsfere non biodegradabili) dovrebbero essere gradualmente eliminati da tutte le formule cosmetiche senza indugio.

Ci sono domande?

Author