La Brexit e il suo significato per i clienti di BIORIUS

Aggiornamento

30 marzo 2017

Forse saprai che Theresa May, Primo Ministro del Regno Unito, ha fatto scattare l’articolo 50 del Trattato di Lisbona ieri alle 13:30. Sir Tim Barrow, rappresentante permanente del Regno Unito a Bruxelles, ha consegnato personalmente la lettera ufficiale al presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk. Oggi inizia il ticchettio di due anni di trattative sui termini di recesso consentiti dall’Articolo 50.

Molti eventi si sono verificati dalla nostra lettera informativa di giugno 2016 e la situazione normativa appare più incerta rispetto a qualche mese fa. Molti punti devono ancora essere chiariti, ma BIORIUS segue da vicino questo argomento e ti terrà aggiornato. Parallelamente, BIORIUS sta sviluppando soluzioni per rendere questa Brexit il più agevole possibile per i suoi marchi cosmetici.

In questa fase è possibile presentare una serie di nuovi fatti:

  • Si prevede una Brexit dura: il Regno Unito lascerà il mercato interno dell’UE e smetterà di applicare la legislazione europea. Una situazione simile a quella della Norvegia (non membro dell’UE ma parte del mercato interno e conforme alla legislazione dell’UE) ha pochissime possibilità di verificarsi.
  • Dovrà essere nominata una Persona Responsabile nel Regno Unito oltre alla Persona Responsabile UE. BIORIUS sta lavorando a una soluzione tecnica per diventare anche la tua Persona Responsabile per il Regno Unito nel prossimo futuro.
  • Al contrario, dovrà essere nominata una nuova Persona Responsabile nell’UE nel caso in cui la tua attuale Persona Responsabile UE si trovi nel Regno Unito. Allo stesso modo, BIORIUS può essere considerato una soluzione adeguata.
  • Sarà necessario stabilire nuovi accordi commerciali e Theresa May ha avvertito che “nessun accordo per la Gran Bretagna è meglio di un cattivo accordo”.
  • Non ci saranno discussioni commerciali tra il Regno Unito e l’Unione Europea fino a quando non saranno risolti tre punti critici: il confine tra l’Irlanda del Nord (Regno Unito) e la Repubblica d’Irlanda (Unione Europea), lo status e i diritti dei cittadini europei che vivono nel Regno Unito e la garanzia che il Regno Unito rispetterà gli impegni finanziari presi prima della Brexit.
  • Sebbene esista un meccanismo che permette di prolungare i negoziati, si prevede che il Regno Unito uscirà dall’UE entro la fine di marzo 2019.

Tra due anni, il Parlamento del Regno Unito abrogherà l’European Communities Act (1972), che sancisce la supremazia della legge europea, e il Regolamento UE sui cosmetici cesserà immediatamente di essere applicato. BIORIUS si aspetta che il Regolamento UE sui cosmetici venga convertito in legge nazionale. Indipendentemente dalla legislazione dell’UE, è impossibile stabilire oggi se questo testo continuerà a seguire gli sviluppi del Regolamento UE sui cosmetici o vivrà di vita propria.

Queste incertezze sono un problema per l’industria cosmetica britannica (CTPA), che ha redatto un documento di sintesi intitolato “Ottenere il meglio dalla Brexit”. In questo documento inviato al governo britannico, la CTPA richiede tre garanzie per ridurre il rischio d’impresa del suo settore:

  • Rimanere nell’Unione Doganale fino al raggiungimento di un accordo di libero scambio con l’UE.
  • Fornire un’attuazione graduale chiara e ragionevole per le modifiche al commercio tra Regno Unito e Unione Europea.
  • Cooperare con le autorità dell’UE dopo la Brexit per ottenere sviluppi normativi coerenti.

Ci auguriamo che la CTPA riesca a farsi ascoltare dal governo britannico.

Infine, occorre prestare attenzione ai danni collaterali causati dalla Brexit, dato che alcune parti del Regno Unito volevano rimanere nell’UE. Questo è particolarmente vero per la Scozia e il loro Parlamento regionale ha votato ieri il progetto di un nuovo referendum sull’indipendenza della Scozia. Il referendum si terrà probabilmente alla fine del 2018, ovvero quando il Regno Unito e l’UE saranno a buon punto nei negoziati.

Ci sono domande?

La situazione della Brexit

24 giugno 2016

Come forse già saprai, ieri si è tenuto un referendum nel Regno Unito per stabilire se il paese debba lasciare l’Unione Europea o rimanere uno dei suoi Stati membri. Il referendum si è concluso con un voto complessivo a favore dell’uscita dall’UE, con il 51,9% contro il 48,1%. BIORIUS ha valutato l’impatto di questa Brexit e può rassicurare i suoi clienti che questa decisione politica non dovrebbe avere quasi alcun impatto sulla valutazione normativa dei loro prodotti cosmetici.

Cosa succederà ora?

Il risultato del referendum non è legalmente vincolante e il Parlamento britannico deve ancora approvare le leggi che permetteranno alla Gran Bretagna di uscire dal blocco dei 28 paesi, a partire dall’abrogazione della Legge sulle Comunità Europee del 1972. Tecnicamente, i membri del Parlamento del Regno Unito potrebbero ignorare i risultati del referendum e bloccare l’uscita dall’Unione Europea, ma ciò sarebbe considerato un suicidio politico ed è improbabile che questo scenario si verifichi.

Come previsto dall’articolo 50 del Trattato di Lisbona che regola il funzionamento dell’UE, uno Stato membro può decidere di lasciare l’Unione Europea e deve negoziare l’uscita che stabilisce le modalità del suo ritiro, tenendo conto del quadro delle sue future relazioni con l’Unione. I trattati cesseranno di applicarsi al Regno Unito a partire dalla data di entrata in vigore dell’accordo di recesso o, in mancanza, due anni dopo la notifica di uscita. Nel frattempo tutti i regolamenti dell’UE continueranno ad essere applicati a questo paese.

Cambierà qualcosa nella valutazione normativa dei nostri prodotti?

Anche se il Regno Unito lascia l’Unione Europea, molto probabilmente entrerà a far parte dell’Associazione Europea di Libero Scambio (EFTA, attualmente composta da Islanda, Lichtenstein, Norvegia e Svizzera), che partecipa al mercato unico dell’UE. In definitiva, il Regolamento UE sui cosmetici dovrebbe continuare ad essere applicato nel Regno Unito, principalmente o addirittura completamente nella sua forma attuale. L’unico vero cambiamento riguarda la rappresentanza legale dei tuoi prodotti, in quanto dovrà essere nominata una Persona Responsabile con sede nel Regno Unito. BIORIUS ha già individuato diverse soluzioni efficaci e ti comunicherà ulteriori informazioni non appena la situazione si sarà stabilizzata.

Author